Contratti ai calciatori: scende in campo la FIFA

Le novità sui contratti ai calciatori
07.04.2020 22:35 di Leonardo La Cava   Vedi letture
Infantino, presidente FIFA
Infantino, presidente FIFA

Prendono forma le decisioni assunte dalla FIFA a seguito della task force messa in campo con rappresentanti di club, giocatori, leghe, federazioni nazionali e confederazioni.

Giovanni Infantino presidente UEFA, ha dichiarato all’Ansa: “Sebbene queste proposte non risolvano tutti i problemi, dovrebbero servire a garantire una certa stabilita' e chiarezza al calcio per il prossimo futuro - afferma il presidente della Fifa, Gianni Infantino - . Speriamo che questo sforzo di collaborazione possa fornire un esempio positivo di come il calcio puo' unirsi e mostrare solidarieta' e spirito di compromesso per affrontare i tempi difficili che ci aspettano"

Di cosa si tratta? Dei contratti ai calciatori, nello specifico: durata contrattuale, taglio degli stipendi, calcio mercato.  Vediamo come si muoverà la FIFA

DURATA CONTRATTUALE:

I contratti dei giocatori in scadenza terminano di solito al termine della stagione, ma in questa situazione la Fifa propone di prorogare i contratti fino a quando la stagione non termina effettivamente. Un principio analogo si applica ai contratti che devono iniziare, ritardata fin quando effettivamente inizia la stagione successiva.

STIPENDI CALCIATORI:

L’attività è ferma per cui necessita un’azione di “incoraggiamento tra club e giocatori a lavorare insieme per trovare accordi", ma nel caso non si potessero raggiungere la Fifa ha stabilito dei criteri per decidere nel merito e arrivare a soluzioni "giuste ed equilibrate per entrambe le parti", valutando tra l'altro la reale volontà da parte del club di chiudere, la sua situazione economica, la proporzionalità dell'adeguamento al contratto stesso, l'eventuale disparita' di trattamento tra giocatori.

CALCIO MERCATO

Linea flessibile, dalla Fifa che consentirà di spostare le finestre in modo che cadano tra la fine della vecchia stagione e l'inizio della nuova, cercando di garantire un livello generale di coordinamento e proteggere la regolarità delle competizioni.