Catanzaro-Vibonese 1-0, continua la marcia di avvicinamento in vista del debutto in campionato

09.09.2018 21:38 di Maurizio Martino  articolo letto 1769 volte
Catanzaro-Vibonese 1-0, continua la marcia di avvicinamento in vista del debutto in campionato

Termina con una vittoria di misura per i giallorossi  l'amichevole tra Catanzaro e Vibonese. L'incontro è stato fortemente voluto da tre tra i maggiori imprenditori calabresi, l'ingegnere Noto, Pippo Caffo e Pippo Callipo, rispettivamente presidente del Catanzaro, della Vibonese e della volley di Vibo Valentia, la maggiore squadra calabrese di questa disciplina sportiva. L'incasso verrà devoluto in beneficenza per contribuire alla costruzione della Cittadella di Padre Pio nel comune di Drapia.  La partita disputata al Ceravolo di fronte a poco meno di un migliaio di spettatori è servita ad entrambi gli allenatori per collaudare meglio schemi e tattiche di gioco e rendersi conto delle condizioni di coloro che finora avevano giocato poco, vuoi perché a corto di preparazione, vuoi per precedenti problemi di natura fisica che hanno condizionato la loro preparazione. I vari De Risio, Kanouté, Infantino, giusto per citarne alcuni, sono stati infatti schierati dal primo minuto assieme a quelli che in occasione della partita di Coppa Italia con la Cavese della scorsa settimana erano subentrati a gara in corso o non erano proprio scesi in campo. Si è trattato di un buon test che ha dato modo di verificare le reali condizioni fisico-atletiche dell'intera rosa. Ê apparso evidente che molti devono acquisire la giusta condizione per mettersi al pari dei compagni, ma ciò è dovuto al loro arrivo tardivo in città, come nel caso di Kanouté, De Risio e Favalli. Discorso a parte per Infantino come ha voluto sottolineare mister Auteri nel post partita in quanto l'attaccante in seguito all'infortunio subito durante l'amichevole di Gubbio è stato fermo una ventina di giorni per poi rifermarsk  per qualche altro giorno a seguito di un ulteriore fastidio muscolare. Lo special one di Floridia è comunque fiducioso sul suo pieno recupero, come quello di coloro che sono un po' più indietro nella condizione e che sono di fatto gli undici scesi in campo dal 1'.
Volendo analizzare il derby dell'amicizia dal punto di vista tecnico, certamente nel secondo tempo gli Auteri-boys hanno espresso un gioco migliore con fraseggi più veloci e con molto più movimento specie da parte dei tre del reparto avanzato che ad oggi dovrebbe rappresentare il tridente d'attacco titolare, ci riferiamo a Giannone, Ciccone e D'Ursi. Buona la prova da parte del portiere Golubovic, al debutto al Ceravolo, che si è distinto in un paio di interventi degni di cronaca nel corso dei primi 45'. Discrete le prove di De Risio, autore dello splendido gol partita e nonostante i motivi di cui si è detto prima, e del giovane Eklu, dotato di una buona visione di gioco e ottime qualità tecniche che nel corso dei45'  in cui è stato in campo ha ricoperto il ruolo normalmente svolto da Maita. Il pacchetto arretrato giallorosso è apparso sicuro è decisivo in più di un'occasione, in particolare con Figliomeni e Signorini. Il Catanzaro visto nella seconda frazione di gioco ha sbagliato più volte la palla del raddoppio a causa delle imprecisioni dei suoi uomini più avanzati.
Da parte della Vibonese si è vista qualche buona giocata nonostante il tasso tecnico tra le due squadra è apparso palesemente differente. Un paio di buone occasioni nel primo tempo anche per i rossoblu. La Vibonese dovrebbe a nostro avviso disputare un campionato di media classifica e pertanto con la salvezza che sembra decisamente alla sua portata. Ciò nonostante sia reduce da un campionato, quello di serie D, in cui il tasso tecnico è decisamente più basso rispetto a quello della terza serie professionistica, come confermato da mister Orlandi in sala stampa al termine della gara.
L'appuntamento ora è per la partita inaugurale del campionato che finalmente dovrebbe, o almeno si spera, iniziare domenica prossima a prescindere dall'esito della sentenza sui ripescaggi in serie B da parte del CONI che avverrà tra lunedì e martedì. Non ci resta dunque che augurare buon campionato a tutti, al Catanzaro ovviamente più di tutti.

Maurizio Martino