Catanzaro-Siracusa -1, obiettivo tre punti per le Aquile nonostante le tante assenze

14.04.2018 16:35 di Maurizio Martino  articolo letto 934 volte
Catanzaro-Siracusa -1, obiettivo tre punti per le Aquile nonostante le tante assenze

Quella di domani sarà l'ultima partita interna stagionale per i giallorossi. Sarà un incontro importantissimo anche se non decisivo per garantirsi la salvezza matematica. Lo dimostra il ritiro che la società ha imposto già dopo gli allenamenti di giovedì, alla ricerca della maggiore concentrazione. Di fronte al proprio pubblico gli uomini di mister Pancaro vorranno ben figurare per salutare nel migliore dei modi quanti, si spera in tanti, occuperanno le gradinate del Ceravolo. Non si tratterà di una gara semplice, come nessuna lo è stata finora e come purtroppo ci ha abituato il Catanzaro in questa stagione. Non lo è anche perché l'avversario di turno, il Siracusa, è in piena lotta per aggiudicarsi un posto utile nella griglia play off, specie dopo essere stato penalizzato di 4 punti. Il Catanzaro sarà privo di ben 5 pedine, di cui tre per squalifica, Nordi De Giorgi e il solito Onescu e due per infortunio, Sabato che non ha recuperato a pieno in seguito alla botta al costato rimediata nel derby contro i silani, e Cunzi che ha accusato un problema muscolare in settimana. I giallorossi dovranno dunque affrontare i siciliani con problemi di formazione cercando comunque di raggiungere l'obiettivo della vittoria che consentirà di garantirsi la permanenza con due giornate di anticipo. Calendario alla mano, i giallorossi dovranno fare la corsa sulla terzultima in graduatoria, la Paganese, che andrà a disputare lo spareggio play out con tutta probabilità con il Fondi, attualmente penultimo. I campani oltretutto osserveranno domani il loro turno di riposo e pertanto per i giallorossi sarà una ghiotta occasione per aumentare il distacco che li separa che ad oggi è di cinque lunghezze con tre partite da disputare per entrambe le formazioni, di cui una per la Paganese da disputare a Lecce impegnato a contendersi fino all'ultimo minuto il primato e quindi la promozione diretta in serie B.  
Tornando alla gara contro gli aretusei i giallorossi dovrebbero scendere in campo con il consueto schieramento tattico, il 3-5-2, che ben si è comportato in occasione del derby con il Cosenza e in altre uscite precedenti. Mister Pancaro al momento è certo solo di chi andrà a sostituire il portiere Nordi, cioè il giovane Marcantognini al suo debutto ufficiale in questa stagione, con Pellegrino che andrà in panchina. Per sostituire De Giorgi potrebbe giocare dal 1' uno tra Nicoletti e Sepe sulla fascia sinistra mentre Zanini verrebbe così dirottato sulla destra come quinto di centrocampo. Al centro Spighi ha buone chance di sostituire il rumeno squalificato, giocando al fianco del neo capitano Maita e dell'altro rumeno Marin. Il trio di difesa dovrebbe essere composto da Di Nunzio, Gambaretti e Riggio con quest'ultimo che sostituirebbe Sabato. Per l'attacco sarà Letizia, ormai ristabilitosi dopo l'infortunio subito nella gara contro il Catania, a far coppia con Infantino. Tutto è pronto dunque per assistere ad un match contro una formazione che in questa stagione ha avuto un ruolino di marcia lontano dalla Sicilia del tutto rispettabile costituito da 7 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte. Per i tifosi giallorossi sarà l'occasione per rivedere in campo tre ex del Catanzaro, Mangiacasale, Daffara e l'attaccante Bernardo, autore quest'ultimo del gol vittoria contro il  Cosenza realizzato al Ceravolo qualche stagione fa. 


Maurizio Martino