Catanzaro-Cavese 5-2, buona la prima

Analisi del giorno dopo sulla convincente vittoria in Coppa Italia
03.09.2018 11:05 di Maurizio Martino  articolo letto 1487 volte
Catanzaro-Cavese 5-2, buona la prima

La vittoria dilagante di ieri con la Cavese ha decretato un dato inconfutabile sotto gli occhi di tutti, addetti ai lavori e tifoseria: il Catanzaro quest'anno c'è e sarà dura per tutti. Lo diciamo non tanto e non solo alla luce del roboante 5-2 ai danni dei campani, quanto per il gioco espresso che ha determinato questo risultato. Un gioco tambureggiante, a tratti spumeggiante che ha fatto divertire i poco più di 2700 spettatori che hanno assistito al debutto stagionale casalingo delle Aquile. Era da diverso tempo che la squadra non si esprimeva come ha fatto ieri con manovre veloci e ficcanti costruite con passaggi di prima che hanno messo in risalto il credo calcistico di mister Auteri. La mano dello special one della serie C si è vista e come! Pressing alto, centrocampo pronto ad attaccare gli spazi e a fornire palloni su palloni ai tre davanti che con la loro rapidità hanno messo in ambascia la retroguardia campana al di là delle azioni da cui sono scaturite le 5 reti. È pur vero che la Cavese è certamente squadra dal tasso tecnico inferiore rispetto ai giallorossi e che ha commesso l'errore di alzare un po' troppo il baricentro agevolando così le folate offensive del Catanzaro, ma ci sembra ingiusto ridurre l'analisi dell'incontro a questo senza esaltare i giusti meriti del mister di Floridia e dei suoi ragazzi. Una squadra, quella giallorossa, molto ben assortita con elementi esperti che permetteranno senz'altro ai più giovani di crescere in personalità e mentalità, oltre ovviamente ad un inevitabile miglioramento in termini di tecnica. Un esempio per tutti può essere rappresentato da Riggio per il quale lo stesso Auteri in sala stampa nel post partita ha espresso parole di elogio. Tutti i reparti hanno funzionato al meglio ma chiaramente c'è molto da lavorare, specie nella retroguardia, essendo trascorso solo un mese e mezzo dall'inizio della preparazione. Note positive anche per il portiere Elezaj che nonostante sia stato poco impegnato ha avuto il grosso merito di "bloccare" addirittura il rigore molto angolato concesso alla Cavese sfruttando al meglio le sue lunghe leve. Da sottolineare che ieri erano assenti elementi del calibro di Fishnaller, Kanouté, Infantino e De Risio, tenuti a riposo per pregressi infortuni o perché un pò indietro con la preparazione. Ciò dimostra che il Catanzaro quest'anno ha una rosa davvero competitiva, guidata dalle capacità e dalla sagacia tecnica di mister Auteri.
Un Catanzaro quindi che è piaciuto come dimostrano gli applausi scroscianti tributati durante e al termine della gara. I giallorossi sono attesi ora da un campionato che, siamo certi, disputeranno assumendo un ruolo da protagonisti, nonostante il girone annoveri squadre come il Catania (che però non sappiamo se verrà ripescato in B), Traoani, Casertana e Viterbese che tra tutte ci sembrano quelle meglio attrezzate.
  Come prima uscita stagionale al Ceravolo non ci si aspettava una prestazione è un risultato così positivo. Mai come in questo caso è il caso di dire "Se il buongiorno si vede dal mattino..."

Maurizio Martino