Catanzaro-Catania 1-2: le pagelle dei giallorossi

11.03.2019 11:30 di Stefano Crisafulli   Vedi letture
Catanzaro-Catania 1-2: le pagelle dei giallorossi

FURLAN 6 –Nel primo tempo, sul momentaneo 1-0 per i giallorossi, neutralizza con un bell’intervento una delle solite magistrali punizioni di Lodi. Incolpevole sul primo gol del Catania, mentre sul secondo, sullo svarione della sua difesa, avrebbe potuto cercare di posticipare l’uscita evitando di farsi saltare agevolmente, come poi è avvenuto, da Di Piazza.

CELIENTO 5,5 – Come al solito, dei tre dietro, è quello che più si sgancia dal reparto per cercare di rendersi utile anche in fase offensiva. Forse anche per questa eccessiva generosità, nel secondo tempo ha maggiori difficoltà ad arginare gli attacchi in contropiede degli avversari, vedi il secondo gol etneo.  

RIGGIO 5 – Sarebbe servita una grande prestazione per tenere a bada un bomber di razza come Marotta ed un attaccante rapido come Di Piazza, ma ciò non si è verificato.

SIGNORINI 6 – Evita, nel primo tempo, un gol già fatto murando la conclusione a botta sicura di Marotta e salva altre situazioni pericolose. Nella ripresa cala fisicamente e recupera a fatica la sua posizione.

STATELLA 5 – Seconda brutta prestazione di fila per l’esterno giallorosso. Per niente brillante, sbaglia tanto. Ha bisogno di tirare il fiato per ritrovare nuove energie.

MAITA 7 – Il capitano è il migliore in campo del Catanzaro, ogni pallone passa dai suoi piedi e ne spreca pochi. Verticalizza, si propone e scambia bene con gli attaccanti. Meriterebbe il rigore sul dribbling interrotto da Biagianti con un pestone.

IULIANO 6 – Prestazione sufficiente per l’italo-brasiliano, che dimostra di essere la spalla ideale al fianco del capitano Maita. È suo il cross vincente da calcio d’angolo per D’Ursi.

CASOLI 5,5 – Da esterno di centrocampo sembra trovarsi più a suo agio rispetto alla posizione avanzata occupata a Bisceglie. Ma oltre un tiro rasoterra da fuori area finito di poco a lato nel primo tempo, soffre in fase difensiva e dimostra poca lucidità in avanti.

D’URSI 6,5 – Il migliore, ancora una volta, degli attaccanti giallorossi. Sigla, dopo appena 2 minuti dall’inizio del match, di testa con un perfetto inserimento il suo decimo centro stagionale. Chissà come sarebbe finita la partita se fosse riuscito a concretizzare almeno una delle due grandi occasioni avute sempre nel primo tempo prima del pareggio etneo…

BIANCHIMANO 5,5 – Non riesce a prevalere nel gioco aereo contro i difensori catanesi e risulta poco pericoloso, anche perché servito in maniera non precisa dai compagni.

KANOUTE 6 – Perde il pallone dal quale nasce il pari di Marotta ma in più di un’occasione supera l’uomo e crea superiorità numerica. Cresce soprattutto nella ripresa, pur essendo rientrato in campo dopo oltre un mese di stop.

FAVALLI 6 – Entra a mezz’ora dalla fine al posto di Statella, si fa vedere costantemente in avanti nel forcing finale dei giallorossi.

DE RISIO 5,5 – Sostituisce Iuliano al 63° minuto ma non riesce a dare l’apporto sperato, con qualche errore di troppo in fase d’impostazione.

FISCHNALLER 5,5 – Subentra al posto di Bianchimano a mezz’ora dalla fine dopo un abbondante mese di stop per infortunio. S’impegna ma non riesce a trovare spazi.

CICCONE ed EKLU s.v. – Entrano rispettivamente al 78° e all’81° minuto senza avere praticamente mai occasione di potersi mettere in mostra.

ALL. CASSIA 5,5 – Con Auteri squalificato, è lui a dirigere dalla panchina la squadra del Presidente Noto, che paga oltremodo dazio contro un Catania cinico ed esperto, capace di sfruttare nel migliore dei modi gli errori della squadra giallorossa in uscita, sul gol di Marotta, e nel posizionamento, sulla rete in contropiede di Di Piazza.