Aquilotti in volo, Caliò al Pescara

Il'Under Andrea Caliò ceduto in prestito al Pescara
31.07.2018 10:38 di Gea Brescia  articolo letto 6210 volte
Aquilotti in volo, Caliò al Pescara

Per la serie "giovani aquilotti spiccano il volo", é ormai certo che uno dei migliori prodotti del vivaio giallorosso degli ultimi anni stia per lasciare il nido. Andrea Caliò, classe 2003, catanzarese verace e sangue giallorosso da trasfondere, da qualche giorno é un calciatore in forza alle giovanili del Pescara. dove giocherà in Under 16, sotto la guida del mister Felice Mancini. Il ragazzo è stato ceduto con prestito oneroso, in virtù del quale il club abruzzese potrà vantare anche un diritto di riscatto, qualora lo ritenesse opportuno. Su Andrea già da qualche tempo si era concentrata l'attenzione di molte importanti società: la sua falcata imponente, una progressione straordinaria  e una duttilità che lo ha portato a ricoprire il ruolo sia di destro interno che di trequartista, hanno impressionato per tutta la stagione gli osservatori che lo avevano "puntato" già da qualche tempo. Il ragazzo, infatti, quest'anno ha ricevuto anche due convocazioni in Nazionale, la prima delle quali in Lega Pro, a cui poi era seguita la chiamata in azzurro da parte del selezionatore Serie A e B Antonio Rocca. I nostri lettori conoscono già  Andrea Caliò, essendo cresciuto nella scuola calcio giallorossa voluta e personalmente gestita da Carmelo Moro, che lo ha seguito fra i Primi calci, avendone individuato grandi qualità e una possibilità di crescita fuori del comune. Il piccolo aquilotto non ha tradito le aspettative e con il Mister Giuseppe Teti, ha proseguito la sua formazione nel Settore Giovanile giallorosso, e a lui va l'immenso merito di avergli concesso fiducia, riponendo in lui grandi aspettative, al punto da portarlo a giocare sottoetá, unico 2003, tra i più grandi di almeno un anno. Nella stagione ormai conclusa, inoltre, l'ormai ex giallorosso, è stato allenato da mister Luigi Gemelli che lo ha utilizzato come trequartista, dandogli la possibilità di esprimersi in modo ancora più completo, disputando un campionato di livello superiore, in cui ha realizzato ben 8 reti. A questi tre tecnici bisogna riconoscere il grande merito di avere offerto un contributo essenziale alla maturazione del giovane, preparandolo per il grande salto e a loro si esprime anche il ringraziamento di tutto l'ambiente calcistico giallorosso che non può che gioire, di questa grande opportunità da cui Andrea sicuramente cercherà di trarre immenso beneficio. A lui l'augurio di arrivare sempre più in altro, e senza dimenticare mai quei colori giallorossi che ha saputo indossare con umiltà, caparbietà, spirito di sacrificio ma soprattutto con grande onore. "Ad astra per aspera", Andrea, é così da sempre e noi ti auguriamo che il tuo sia un "per sempre" lungo, esaltante e sfavillante.