Top & Flop di Catanzaro - Reggina

28.11.2018 23:49 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 966 volte
Fonte: Tuttoc.com
© foto di Andrea Rosito
Top & Flop di Catanzaro - Reggina

Ingrana la quarta vittoria consecutiva il Catanzaro che supera per 1-0 la Reggina nel derby calabrese. A decidere la partita valida per il recupero della quinta giornata del campionato di Serie C – Girone C una rete di Infantino negli ultimi minuti della gara. Una contesa partita subito con un numero di occasioni altissimo che ha occupato il pubblico del 'Nicola Ceravolo' a stropicciarsi gli occhi sia per la mole di occasioni sia per la poca concretezza del primo tempo. Nella prima frazione difatti dopo due squilli di Emmausso cala la qualità tecnica della squadra di Auteri che legittima a più riprese il vantaggio, ma i catanzaresi sono poco cattivi sotto porta e si vedono fermare dalle parate di Confente o dai propri errori. La seconda parte di gara consegna due undici che non riescono a emulare i ritmi della prima frazione ma che non si risparmiano comunque. Dopo appena due minuti è una traversa di Iuliano a fare impazzire i giallorossi, ciò dall'input ad Auteri per operare tre cambi ridisegnando la propria creatura regalandole centimetri là davanti. In tal senso l'entrata in campo di Infantino dona all'attacco una punta di peso che, all'83', sfrutta un imperioso stacco di testa per superare un incolpevole Confente. Il gioco di lì in poi prosegue senza particolari sussulti, se non la continua discesa sull'avversario da parte delle aquile giallorosse: mostratesi anche oggi delle vere e proprie rapaci. Gli amaranto hanno tenuto botta come potuto ma, tra occasioni non sfruttate e la vasta qualità della squadra di casa fare risultato non sarebbe stato facile. Vediamo adesso i Top e Flop della gara.

TOP

Infantino (Catanzaro): la sua entrata è risolutiva. La sua prima rete stagionale decisiva. E il modo in cui la mette a referto è altrettanto importante. Uno stacco perfetto e un impatto con la sfera che mette fuori causa il portiere ospite, finora autentica barriera insormontabile. Dona peso e centimetri all'attacco, la squadra aveva bisogno di un totem cui riferirsi e l'hanno trovato a gara in corso. DECISIVO

Confente (Reggina): a giudicare dalla partita di oggi, il classe '98 ha deciso di riprendersi una rivincita chiara sui suoi detrattori consegnando peraltro un segnale chiaro ai concorrenti per la porta amaranto. Lo scuola Chievo Verona si esalta con alcuni interventi pregevoli, salvo capitombolare sulla zuccata di Infantino. L'errore contro il Catania non può essere cancellato, ma prestazioni come questa dimostrano che dietro al ragazzo c'è un forte carattere. RISCATTATO

FLOP

Ciccone (Catanzaro): ci mette impegno, voglia e pure il sinistro eppure la sua prova non convince a pieno. L'attaccante è presente in tantissime azioni offensive, ma in nessuna riesce a graffiare con la forza giusta. Si lascia ipnotizzare da Confente in uno dei contropiedi più ghiotti dell'incontro. Errore che, se non fosse stato per la marcatura del compagno nel secondo tempo, avrebbe avuto altro peso. INDECISO

Sandomenico (Reggina): paga forse colpe non sue uscendo al 45esimo. Roberto Cevoli, suo allenatore, lo rileva per inserire un centrocampista e dunque dare più equilibrio alla squadra e aggiungere un uomo in una parte nevralgica del campo. Il napoletano avrebbe potuto fare comodo nel secondo tempo, sostituzione troppo frettolosa. VITTIMA