Osservatorio stadio "Nicola Ceravolo", prevale l'idea di un impianto nuovo ma c'è chi dice no...

10.02.2020 19:55 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Osservatorio stadio "Nicola Ceravolo", prevale l'idea di un impianto nuovo ma c'è chi dice no...

Gentile redazione partecipo volentieri alle opinioni sullo stadio,ottima iniziativa, concordo con i primi due tifosi che hanno già scritto, se vogliamo essere realmente ambiziosi non si può prescindere da uno stadio nuovo posto in una località facilmente accessibile anche per chi non abita a Catanzaro, vogliamo tornare ad essere la regina (con una g) della Calabria, bisogna dire che sulle strutture Grassadonia ha ragione e c'è poco da fare, anche il campo di Giovino appare in brutte condizioni e questo certamente incide sugli infortuni e sulla qualità degli allenamenti, quindi auspico a breve un'incontro tra presidente ed istituzioni.

Francesco Miceli

-----

Salve, 

Sono Cataudo Mattia

Io penso che lo stadio debba sparire da dove si trova attualmente, è sempre stato uno scempio averlo là e sempre lo sarà. È una zona "autolesionistica", passatemi il termine. Che beneficio ne può avere una città, una squadra di calcio, nell'avere il proprio stadio in mezzo in quell'area?? 

Gli anziani possono arrivare allo stadio in media semplicità e i residenti di quella zona idem, e il resto dell'intera popolazione di Catanzaro e gli anziani lontani dal centro storico? (Giusto per intenderci, anche se abitano a Sala sono lontani dal centro storico...)

La società anzi, le società che sono passate da Catanzaro, hanno idea delle bestemmie che butta un cristiano quando deve andare allo stadio? O ancora meglio, hanno idea delle bestemmie che butta un cristiano quando deve andare dall'ospedale alle 15 di Domenica?

Il problema del parcheggio, il problema del traffico infernale, il problema dell'ospedale (si rischia di mettere in seria difficoltà la circolazione di un ospedale..!), la struttura in sé è anche un problema serio.

Creando un nuovo stadio, da 14000/20000 posti a Germaneto si può, di conseguenza, interagire con un più vasto pubblico e ne trarrebbe un beneficio anche la circolazione DELL'INTERA CITTÀ DI CATANZARO.

Arrivare a Germaneto, con la nuova super strada è addirittura uno spasso, collegata bene ovunque:

Da Soverato ad un nuovo ipotetico stadio a Germaneto ci si mette, forse, se è fatto assai, mezz'ora.

Dalle zone di Sellia/ Simeri e compagnia bella ci metti 20 minuti.

Da Catanzaro Lido ci metti 15 minuti. 

Da Cosenza ci metti 45 minuti.....! (40 minuti ce li metto io attualmente per arrivare allo stadio attuale, da Roccelletta)

Da Crotone ci metti un'oretta.....! 

Da Catanzaro stesso ci metti 15 minuti. 

Inoltre si ha a disposizione un'area ASSURDAAAA per la costruzione dello stadio e anche di aree di ristoro [...]

Germaneto è una miniera d'oro che sta solo cercando qualcuno che la scopra. Ovviamente l'obbiettivo non dovrà essere quello di desertificate il centro storico ma altresì, di creare un grande centro sportivo con accanto strutture universitarie ben collegate all'ospedale e al centro sportivo (che verrà, appunto, al posto dell'attuale stadio) così da non creare il caos assurdo che c'è ad ogni partita ma, una medio/normale percorribilità di quella zona facendola anche rinascere con giovani che possono interagire con l'ospedale e con un centro sportivo a due passi.

Le mie sono solo idee che mi sono venute in mente durante gli anni ma il nocciolo della questione è che lo stadio deve sparire da là, non si può vivere di storia, in serie A ci siamo stati ma sono 30 anni che viviamo in serie C, il presente di oggi è la storia del futuro, quindi, creiamo insieme un presente migliore per avere un futuro migliore, ma, soprattutto, una storia migliore da raccontare in futuro!

Forza Catanzaro

-----

Buongiorno,  vi scrivo per dire la mia in merito al vostro dibattito pubblico sullo stato e quindi sul futuro dello stadio " Ceravolo". Oggi assistere ad una partita di calcio nel vecchio impianto catanzarese, è diventato veramente difficile. Ho potuto provare ogni settore e mi sono reso conto che alla fine di ogni partita, oltre alla raucedine si torna a casa con il torcicollo.

Negli anni si è provato ad adeguare e ad ammodernare lo stadio ma si è solo peggiorata la situazione, (vedi orrenda e scomoda PALAZZINA).

Per non parlare della location, all'uscita si rischia di essere stirati dalle auto o si blocca il traffico per decine e decine di minuti per tutte le vie circostanti, infine per poter parcheggiare l'auto in sicurezza e senza rischiare la multa, bisogna arrivare a Pontegrande o lasciarla a Catanzaro sala.  

Io credo che bisognerebbe pensare ad un impianto nuovo e a valle del centro magari favorendo anche lo sviluppo e la riqualificazione di aree "periferiche", vicino alle uscite della nuova 106, e vicino alla stazione della metropolitana, (Sala, Santa Maria, V.le Europa), e l'attuale Ceravolo trasformarlo in "Casa Aquile", centro sportivo per prima e seconda squadra,  settore giovanile, centro medico, palestra, museo e sede societaria. 

Grazie per l'opportunità concessa

Cordiali saluti 

Gianluca Quirini

-----

Buongiorno, secondo me una buona località per costruire un nuovo stadio  facilmente accessibile e con ampi spazi per i parcheggi potrebbe essere quella sita all'uscita Catanzaro nord della nuova variante della  SS106. Parlo della pianura, libera da costruzioni, che dai pressi della rotatoria della motorizzazione civile si estende verso Santo Janni. Sarebbe un posto raggiungibile comodamente in pochi minuti sia dal centro città (tangenziale est) che tutta dalla costa ionica. La zona indicata  è facilmente raggiungibile  anche da Lamezia Terme tramite la strada dei due mari fino al Sansinato e svoltando poi verso  Catanzaro Lido da dove giunti a Germaneto  è  possibile immettersi sulla nuova SS 106 direzione Taranto (svincolo Catanzaro Ovest) con uscita allo svincolo Catanzaro nord di fronte al quale si estende una pianura attualmente libera da costruzioni edilizie. 

Antonio Marino

-----

L'identità di una città, l'identita' di una tifoseria, l'identità di una squadra si ha grazie all'impianto dove gioca la squadra di calcio, tutto cio'e' racchiuso nel Nicola Ceravolo, oggi, stadio comunale di Catanzaro ieri, nominato anche in canzoni per il Catanzaro.

Costruire un nuovo impianto no assolutamente come detto si perderebbe l'identità, ma si ad un restyling, si tutta la vita, ci sono dei progetti fatti in passato per tale scopo addirittura se ricordo bene, uno era sulla falsa riga del Marassi di Genova, quindi non deturpiamo il nostro passato perchè dal passato si puo conoscere e tracciare  il nostro futuro.

Andrea Critelli 

----- 

Secondo me si potrebbero abbattere le curve,per poi ricostruirle adiacenti al campo .in particolare "la MASSIMO CAPRARO" con una bella capienza in modo da mettere il fiato degli uc 73 sul collo degli avversari. Di seguito la nuova copertura della tribuna.

Alessandro Fontana