Osservatorio Ceravolo: perché il Comune di Catanzaro snobba il Credito Sportivo?

Dal 2016 ad oggi erogati milioni di euro per impianti sportivi ma il Comune di Catanzaro non ha mai fatto nessuna richiesta
12.02.2020 16:46 di Leonardo La Cava   Vedi letture
Osservatorio Ceravolo: perché il Comune di Catanzaro snobba il Credito Sportivo?

“Sport Missione Comune” è una iniziativa nata dalla collaborazione tra il Credito Sportivo e l’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani). L’iniziativa consiste nell’erogare fondi a tasso zero, esclusivamente agli Enti Locali, finalizzati al miglioramento dell’impiantistica sportiva.

I progetti definitivi o esecutivi per i quali è possibile richiedere l’ammissione a contributo dovranno essere relativi a: costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, efficientamento energetico, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attività sportiva, anche a servizio delle scuole, ivi compresa l’acquisizione delle aree e degli immobili destinati all’attività sportiva.

Una iniziativa partita nel 2016 e che fino ad oggi ha consentito la realizzazione di oltre 2.000 cantieri sulla strada dell’innovazione e della riqualificazione per impianti moderni, funzionali e sicuri in tutto. Vari i scaglioni di accesso e le relative agevolazioni, per fare un esempio circoscritto a Catanzaro, il comune capoluogo di Regione potrebbe richiedere fino a 4 milioni di euro per ogni singola operazione, rimborsabili dai 15 fino a 25 anni e potrà godere del totale abbattimento degli interessi con eventuale importo eccedente concesso a tassi agevolati da un contributo in conto interessi dello 0,70%.

Nel 2016 l’iniziativa ha erogato sul territorio nazionale ben 200 milioni di euro, 100 milioni a tasso zero e 100 a tasso agevolato  che sono serviti a finanziare 341 cantieri e farla da padrone sono stati quelli destinati a ristrutturare impianti di calcio, ben 79. Tra le regioni che più si sono attivate ci sono la Sardegna (41 finanziamenti) Lazio e Lombardia (28) e Puglia (13).

Ogni anno Credito Sportivo ed Anci mettono a disposizione una cascata di soldi, cosi come è molto veloce la risposta (accettazione o diniego) nel giro 20/30 giorni. Eppure il comune di Catanzaro non ha mai sentito l’esigenza di bussare alla loro porta, magari ci sono delle buoni ragioni. Nel triennio che va dal 2016 al 2018 il comune di Catanzaro non ne ha mai fatto richiesta, e al momento non sappiamo se si è fatto avanti per il 2019 i cui termini scadevano il 31/12/2019.

Leonardo La Cava