Il Catanzaro calcio fa visita ad un istituto scolastico della provincia

Continua senza sosta il progetto"il Catanzaro sale in cattedra" che ha coinvolto oggi gli studenti dell'i.c. di Taverna.
12.11.2018 18:17 di Maurizio Martino   Vedi letture
Il Catanzaro calcio fa visita ad un istituto scolastico della provincia

Si è tenuto questa mattina il primo incontro stagionale fuori città tra i rappresentanti del Catanzaro Calcio e gli studenti delle quinte classi delle scuole primarie e delle prime classi delle secondarie di I grado. La manifestazione odierna rientra nel progetto "il Catanzaro sale in cattedra" che per l'edizione corrente, stagione 2018-19, va oltre i confini territoriali della città capoluogo. Gli ideatori ed organizzatori del progetto, l'Associazione "Unite ad arte" nella persona di Sara Leone e la testata giornalistica CatanzaroSport24, media partner ufficiale, rappresentata da Maurizio Martino, hanno pensato infatti di coinvolgere da quest'anno anche gli i.c. della Provincia di Catanzaro. Ad ospitare i calciatori del Catanzaro Calcio è stato l.i.c. di Taverna che comprende anche i plessi di Sant'elia, Pentone, Albi e Magisano.
Grazie  al coordinamento della US Catanzaro il progetto ha lo scopo di sensibilizzare e avvicinare gli studenti allo sport e in particolare ai colori giallorossi del Catanzaro. La squadra di calcio è un patrimonio di tutti, da amare e da incitare e seguire sempre di più nella speranza di ritornare ai fasti di un tempo, nel rispetto della storia e del blasone della società.
Da quest'anno il progetto ha voluto ampliare il suo ambito introducendo l'importante tema dell'integrazione sociale e di come lo sport possa rappresentare un mezzo per facilitare il processo d'integrazione da parte degli stranieri nel tessuto sociale del nostro territorio. Per il Catanzaro calcio erano presenti i giovani calciatori Gianluca Napoli e Francesco Talarico appartenenti alla Under 17 accompagnati dal Responsabile del controllo di gestione del settore giovanile, l'Avv. Frank Santacroce. In rapprese tanta dell'i.c. il professor Vincenzo Marino ha fatto gli onori di casa ringraziando tutti per la massiccia partecipazione esprimendo il suo elogio per la bella iniziativa da parte dei responsabili del progetto che hanno voluto coinvolgere anche l'istituto da lui rappresentato.
All'incontro ha presenziato anche  il sindaco di Taverna, Sebastiano Tarantino, che nel corso del suo intervento ha evidenziato l'importanza dello sport e di come il Comune abbia sempre aderito e partecipato attivamente a eventi volti a mettere in risalto la pratica sportiva nel territorio, di qualunque disciplina essa sia.
Dopo le domande di rito da parte delle scolaresche rivolte ai due calciatori, è stata la volta del rappresentante della Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) di Gasperina che ha parlato di come è delicato il lavoro di una struttura di accoglienza e di come la stessa sia organizzata al fine di rendere autonomi gli ospiti e farli sentire parte integrante di quella che, a ragione, può essere considerata una "grande famiglia". Ad accompagnare il vice responsabile dell'accoglienza della struttura di Gasperina era presente un ospite proveniente dal Bangla Desh, il giovane Numan che, sebbene non parlasse bene l'italiano, ha spiegato brevemente i motivi che lo hanno spinto a lasciare il suo paese e che lo hanno condotto in Calabria.
Con l'immancabile entusiasmo che li contraddistingue, i giovani studenti hanno di fatto posto fine all'incontro con le inevitabili richieste di foto e di autografi.
L'appuntamento ler loro è per sabato 17 direttamente allo stadio Ceravolo dove saranno ospiti della società del Presidente Noto per assistere all'incontro di calcio Catanzaro-Rieti.

  Maurizio Martino