Vittoria meritata contro un ostico Francavilla, ma adesso è già tempo di pensare alla Reggina

Dopo aver ottenuto i tre punti con i pugliesi inizia una settimana di lavoro intenso in vista del sentito derby con gli amaranto, ma con il morale decisamente alto

07.10.2019 16:45 di Maurizio Martino   Vedi letture
Vittoria meritata contro un ostico Francavilla, ma adesso è già tempo di pensare alla Reggina

Con i tre punti ottenuti nella gara di ieri contro la Virtus Francavilla è stata confermata la legge del "Ceravolo" con la quarta vittoria interna in altrettante partite. A differenza però delle precedenti avversarie uscite sconfitte contro i giallorossi, ieri si è vista all’opera una squadra decisamente ostica scesa in Calabria con l’intento di giocare la gara a viso aperto, senza barricate, facendo dell’aggressività e dell’intensità le sue armi migliori. E’ stata una partita bella e avvincente con occasioni da entrambe le parti anche se a rendersi maggiormente pericoloso è stato il Catanzaro, specie nel primo tempo. Le Aquile hanno avuto il carattere di reagire immediatamentente dopo la rete del momentaneo vantaggio del Francavilla, riuscendo poi a ribaltare e mettere in sicurezza il risultato.

Maita e compagni dovevano riscattare l’inopinata sconfitta di Caserta giunta dopo aver praticamente concesso agli avversari l’intero primo tempo. Ieri con i pugliesi invece i giallorossi sono scesi in campo con la giusta determinazione, concedendo poco o nulla al Franavilla che si è comunque dimostrata la migliore squadra vista finora al “Ceravolo”. I ragazzi di mister Trocini hanno giocato senza timori reverenziali contro i più quotati avversari e lo hanno dimostrato per l’arghi tratti del match anche se nel corso della ripresa sono calati fisicamente in modo abbastanza evidente. La migliore tecnica e il buon stato di forma dei giallorossi hanno fatto la differenza 

 Si è notata un po' più di lucidità sottoporta anche se non sono mancate le solite imprecisioni, come nell'occasione in cui Fishnaller a tu per tu con il portiere avversario non è riuscito a inquadrare lo specchio della porta quando ancora si era sullo 0-0.

La vittoria contro i biancazzurri pugliesi ottenuta giocando un buon calcio e con la giusta aggressività che necessita in questa categoria, ha un duplice significato: risollevare il morale di squadra e ambiente e mantenersi in scia della capolista Ternana che ha ottenuto gli ennesimi tre punti ai danni del Catania, diretta concorrente alla promozione. Rappresenta un buon viatico per le successive gare, soprattutto le prossime tre gare. Il Catanzaro infatti sarà impegnato nell'ordine a Reggio nel primo e più sentito derby stagionale, e a seguire Potenza in casa e Bari in trasferta. Tre scontri diretti che diranno molto su quale potrà essere il futuro del Catanzaro in questa stagione. Per ora era fondamentale vincere e sperare di non ripetere più gli errori che hanno causato le sconfitte di Viterbo e Caserta.

Prova dunque per la quale tutti sono stati al di sopra della sufficienza.  Ottima la prestazione di Casoli che, subentrato a partita in corso al posto di De Risio infortunatosi, ha giocato da centrale al fianco di Maita garantendo un migliore rendimento rispetto alle sue precedenti uscite nelle quali finirà  è stato schierato sempre da esterno. 

Maurizio Martino