Top & Flop di Casertana - Catanzaro

29.09.2019 18:38 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttoc.com
© foto di Andrea Rosito
Top & Flop di Casertana - Catanzaro

Un anno di distanza esatto dalla sfida precedente in campionato, medesimo risultato. La Casertana batte 2-1 il Catanzaro nella settimana giornata del Girone C e si porta ad un punto dai giallorossi. 

Una grandissima prima frazione da parte della Casertana, che inizia molto forte, andando vicina al gol con Castaldo - gran parata di Di Gennaro - e capitalizza lo sforzo al 18': Crispino di testa anticipa Bianchimano sulla propria trequarti, ne nasce una palla che Santoro a sua volta spedisce in avanti verso Castaldo, dribbling su un avversario e destro che batte Di Gennaro. Il Catanzaro si sveglia solo dopo la mezz'ora, Kanoute da posizione angolata trova l'esterno della rete. Poco dopo Crispino ancora una volta deve uscire fuori area, tocca la palla con la mano, solo ammonizione per lui in quanto non era chiara occasione da gol. Al 39' Casertana vicina al raddoppio con Starita che con un destro a giro dal limite sfiora l'incrocio dei pali. Trenta secondi dopo Crispino di piede neutralizza con efficacia una bella conclusione di Bianchimano. Al 44' il raddoppio: Rainone, in avanti per un calcio piazzato, fa sponda per Starita che col destro da distanza ravvicinata insacca.

Secondo tempo intenso tanto quanto e anche più del primo. In avvio una chance per parte, con Zito e Nicastro. Poi al 58' Casoli, in tuffo di testa su cross di Maita, riapre la gara. Il Catanzaro sfiora il pareggio con Celiento ma la Casertana tiene botta e prova a sfruttare i contropiede. Starita viene fermato due volte all'ultimo istante, prima da Celiento e poi da Quaranta. Il Catanzaro ci prova con la forza dei nervi, ma non riesce mai a trovare uno spiraglio degno di nota, eccezion fatta per una conclusione centrale di Mangni. Finale di gara nervoso, con l'arbitro che riceve al triplice fischio le proteste degli ospiti per un recupero giudicato non sufficiente.

Vediamo chi sono stati i migliori e i peggiori del match:

TOP

Luigi Castaldo (Casertana): trasforma in oro un lancio da centrocampo, con un dribbling in un fazzoletto e la solita impareggiabile freddezza davanti al portiere avversario. Sesta rete in campionato ed ennesima prestazione generosa e determinante. Tantissimi falli conquistati, corsa, qualità. Ormai gli aggettivi per questo giocatore si sprecano. MONUMENTALE

La reazione in avvio di ripresa del Catanzaro: giallorossi davvero a sprazzi. I titolari così come i subentrati non incidono più di tanto. Bene Risolo nel primo tempo, ma viene sostituito in avvio di ripresa. La cosa migliore della gara per la squadra calabrese sono senza dubbio i primi venti minuti del secondo tempo, dove arriva un gol comunque meritato e tanta intesità. Ma non basta. PRESTAZIONE A SINGHIOZZO

FLOP

Nessuno per la Casertana: squadra operaia, che si affida alla grinta e alla tecnica delle sue stelle. Una prestazione di grande spessore per la Casertana, che inizia con grande aggressività, segna un primo gol, tiene botta, e raddoppia. Poi nella ripresa incassa la rete del Catanzaro, anche da mettere in conto, e resiste stoicamente e con grande intelligenza ai successivi assalti. ROCCIOSI

L'approccio al match e gli errori del Catanzaro: la squadra ospite entra male in campo, sempre un metro dietro agli avversari soprattutto a metà campo, dove a superare la sufficienza c'è il solo Risolo e a stento Casoli ma solo per il gol. Tanta confusione in fase di impostazione, con molti palloni sostanzialmente regalati all'avversario. Non certo il Catanzaro che siamo abituati a vedere. APPROSSIMATIVI