Il Catanzaro celebra la “Giornata Mondiale del Rifugiato e Migrante” giocando a pallone

09.01.2018 20:00 di Redazione CatanzaroSport24 Twitter:   articolo letto 307 volte
Il Catanzaro celebra la “Giornata Mondiale del Rifugiato e Migrante” giocando a pallone

‹Integrare, infine, significa permettere a rifugiati e migranti di partecipare pienamente alla vita della società che li accoglie, in una dinamica di arricchimento reciproco e di feconda collaborazione nella promozione dello sviluppo umano integrale delle comunità locali. Come scrive San Paolo: Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio››. Sono le parole del Santo Padre in riferimento alla Giornata Mondiale del Rifugiato 2018, che sono state anche le direttrici della bella mattinata di sport che si è tenuta a Catanzaro, nel Campo B dello Stadio Nicola Ceravolo. Manifestazione organizzata da Migrantes diocesana e da Fondazione Città Solidale Onlus, in collaborazione con il Comune di Catanzaro e che ha visto come protagonisti i beneficiari degli SPRAR di Catanzaro, Girifalco e Gasperina giocare insieme ai giovanissimi della Catanzaro Berretti. Un trait d’union all’insegna del gioco del calcio, che ha reso possibile la realizzazione di un momento di forte integrazione e sensibilizzazione, dando così la possibilità ai giovani rifugiati e richiedenti asilo di vivere momenti di gioia insieme ai coetanei italiani. Elementi messi in luce anche dall’intervento di Padre Piero Puglisi, presidente di Fondazione Città Solidale Onlus:‹‹ Oggi abbiamo costruito insieme a questi giovani non solo un momento di sano sport ma abbiamo dato anche la possibilità a tutti i presenti di vivere una giornata di fraternità e di gioia insieme e senza distinzioni. Questo è stato possibile grazie al buon lavoro dei miei collaboratori ma anche alla giusta sinergia che si è creata con la società Catanzaro Calcio e con l’Ente Comunale che con la presenza dei suoi rappresentanti dimostra sensibilità verso i temi dell’accoglienza e dell’integrazione››. Lo stesso responsabile del settore giovanile del Catanzaro Calcio Frank Mario Santacroce, insieme a Carmelo Moro, responsabile dell’area tecnica, hanno voluto mettere in evidenza come queste iniziative aiutano a far vivere il lato più bello dello sport nella città Capoluogo e come il Catanzaro Calcio abbia intenzione di proseguire nel futuro alla realizzazione di altri momenti di integrazione e sensibilizzazione. A conclusione della partita, che ha visto in un combattuto pareggio il risultato, i beneficiari degli SPRAR sono stati premiati dall’Assessore allo sport Domenico Cavallaro, dall’Assessore al turismo Alessandra Lobello, dall’Assessore alla pubblica istruzione Concetta Carrozza, e dal Presidente del Consiglio comunale di Catanzaro Marco Polimeni che hanno voluto,  attraverso gli interventi e la presenza, dimostrare quanto il Capoluogo di Regione abbia a cuore ogni tipo di iniziativa rivolta ad accogliere, integrare e supportare quanti giungono in Italia per creare un futuro migliore, inserendosi nel tessuto sociale italiano. 

Le manifestazioni per la giornata mondiale del Rifugiato si concluderanno domenica prossima in un evento che si realizzerà a Girifalco, a partire dalle 10,30, nella Chiesa matrice. Saranno presenti l’Arcivescovo, il Prefetto di Catanzaro, i sindaci dei Comuni vicini e gli immigrati accolti al momento negli Sprar della Provincia.