Emergenza CoronaVirus: l'appello video in catanzarese dell'ex bomber Pino Lorenzo

L'ex idolo della "Ovest" rivolge un appello in dialetto ai catanzaresi
11.03.2020 15:00 di Leonardo La Cava   Vedi letture
Emergenza CoronaVirus: l'appello video in catanzarese dell'ex bomber Pino Lorenzo

56 anni e non sentirli, appare cosi in un video in salsa estiva l'ex bomber gialloroso catanzarese Pino Lorenzo che ai catanzaresi rivolge un appello in dialetto in merito all'emergenza CoronaVirus.

Pino Lorenzo è nato a Catanzaro, nel quartiere Piano Casa, cresciuto nel settore giovanile giallorosso debutta a soli 18 anni nel campionato di Serie A 1981-82. L'anno successivo passa al Cesenatico in Interregionale dove esplode (fisicamente era già un corazziere) mettendo a segno 22 reti che gli consentono di avere il biglietto di ritorno alla casa madre dove totalizzerà 33 presenze e 5 reti nel campionato 1983-84 di serie B. Ma l'esplosione arriva l'anno successivo grazie anche alla fiducia di mr G.B. Fabbri, quando il Catanzaro neo retrocesso in Serie C1 conquista subito la promozione in Serie B con Lorenzo che si laurea capocannoniere del girone 18 resti (ex equo con Marulla del Cosenza). Fu il trampolino di lanciò che lo catapultò subito in Serie A  ceduto alla Sampdoria dove vi resterà per due stagioni per poi passare al Cesena e l'anno successivo al Bologna per poi ritornare in giallorosso in prestito nella stagione 1989-90. L'anno successivo ritorna al Bologna e qui conquista un primato "scomodo" per il calcio italiano, Pino Lorenzo è infatti il calciatore che in Italia vanta l'espulsione più veloce del calcio professionistico tricolo, fu espulso dopo solo 10  secondi dopo che era entrato al minuto 73' nell'incontro Parma-Bologna del 9 dicembre del 1990. Appende le scarpette al chiodo al termine della stagione 1998-99 dopo aver vestito la maglia dell'Arezzo in serie C1. Complessivamente ha collezionato 436 presenze e 107 reti, mentre ha indossato la maglia delle Aquile per 95 volte totalizzando 28 reti.