Da Toronto un solo grido "Forza Catanzaro", la storia del tifoso Ralph Cavallaro

I tifosi d'oltreoceano raccontano il loro forte legame ai colori giallorossi
03.01.2019 22:20 di Maurizio Martino   Vedi letture
Da Toronto un solo grido "Forza Catanzaro", la storia del tifoso Ralph Cavallaro

di Maurizio Martino


Sono veramente tanti i tifosi del Catanzaro che in qualsiasi parte del globo si trovino si sono sempre contraddistinti per il loro attaccamento ai colori giallorossi. Molti risiedono soprattutto oltreoceano. La loro passione per il Catanzaro in molti casi è quasi una scelta obbligata, in altri pressoché casuale. In entrambi i casi, però, il loro comune denominatore è rappresentato dalla decisione e a volte dalla necessità di lasciare la Calabria.
Oggi vogliamo iniziare una breve  rubrica dedicata proprio a questi tifosi speciali soffermandoci su uno dei più attivi tra loro, Ralph Cavallaro.
La storia di Ralph è simile a quella di tanti altri che, nati in Calabria, lasciano il proprio paese seguendo i genitori in cerca di fortuna  nella speranza di realizzare i propri sogni, disposti ad intraprendere un nuovo percorso di vita. 
Quello di Ralph è un lungo viaggio intrapreso più di 40 anni fa che lo catapulta in Canada, precisamente a Toronto, città in cui risiedono molti italiani e nella quale vive una nutrita rappresentanza di emigrati di origine calabrese, proprio come il protagonista del nostro racconto.
Ciò che però colpisce maggiormente di questo tifoso è, a differenza di altri, la sua pressoché costante presenza nelle conversazioni intavolate giorno dopo giorno sui social che hanno come tema, neanche a dirlo, il Catanzaro calcio, il suo andamento stagionale, speranze e obiettivi che accomuna la parte di emisfero che è a tinte giallorosse. Ralph Cavallaro ha questa abilità, quella di essere sempre aggiornato, seguendo passo dopo passo le vicissitudini della squadra giallorossa e non facendo mai mancare i suoi commenti sotto forma di consigli/pareri sui calciatori da acquistare o sulla formazione di turno da schierare, incitamenti e quant'altro possa contribuire a destare e mantenere alta l'attenzione sulle Aquile. Noi che seguiamo da tempo il Catanzaro e conosciamo tutto ciò che ruota attorno al calcio di fede giallorossa, social compresi, non crediamo di essere nel torto se affermiamo di non avere mai riscontrato la presenza così assidua di un tifoso che abita così distanti dalla Calabria, 
Riusciamo a contattare il nostro tifoso calabro-canadese e ci facciano raccontare la sua storia coinvolgente ed entusiasmante. Ecco quanto ci riferisce:

"Sono nato in un piccolo paese del Vibonese, a Fabrizia. Mio padre Salvatore era tifosissimo del Catanzaro. La prima volta che mi sono accostato ai giallorossi è stato quando eravamo in Serie B ma l'ho seguito soprattutto quando il Catanzaro giocava in Serie A. Noi abitavamo a Roma e già da piccolino ricordo che mio padre mi portava a vedere il Catanzaro quando giocava a Roma e forse propio da quel momento è scattata la scintilla che non si è mai spenta, nemmeno quando sono emigrato nel 1975 per venire qui in Canada". Ralph sembra un fiume in piena.

"Vivo a Toronto da oltre 40 anni. Il Catanzaro è la squadra del mio cuore da sempre. Non ho mai perso una partita quando vivevo in Italia e lo stesso faccio ora purtroppo solo tramite Streaming. Questo per me è sufficiente per stare ancora più in contatto con Catanzaro e il Catanzaro. Attraverso Facebook ho creato una pagina dove i tifosi giallorossi possono interagire tra di loro da ogni parte del Mondo. Ciò mi tiene molto occupato perché bisogna dedicare del tempo per gestirla,  ma per la mia squadra questo e altro. Il gruppo FB si chiama ORGOGLIO GIALLOROSSO CANADESE".

Ralph Cavallaro ci tiene a dire; "Per seguire la mia squadra faccio qualsiasi sacrificio, non potrei farne a meno tanto e grande il mio amore per il Catanzaro e non da adesso, ma da SEMPRE.
Dopo tanta sofferenza in Serie C ho la sensazione che con l'avvento del Presidente Floriano Noto le cose in casa giallorossa cambieranno in positivo. Il fatto stesso di aver preso il migliore allenatore che c'è in lega pro mi fa sentire bene perché lo ritengo il Top come allenatore, come Pasquale Lo Giudice lo è come DS .
Abbiamo finalmente "UNA SQUADRA " nel vero senso della parola e i risultati non tarderanno ad arrivare". Prosegue il nostro Ralph che avrebbe tanti episodi da raccontare ma si limita a riferirci della famosa partita di Roma in cui  "abbiamo battuto la Roma all'Olimpico con 3 reti di Massimo Palanca. Purtroppo non ho avuto modo di vedere dal vivo le partite dei giallorossi negli ultimi tempi - continua Cavallaro -  ma quando vengo in Italia per lavoro una capatina a Catanzaro la faccio sempre, così come un giro al paese natìo per trovare i familiari rimasti ancora lì ma anche perché a me piace di tanto in tanto ritornare alle origini anche se per qualche ora soltanto per respirare l'aria e il profumo della mia terra che sono unici".

Crediamo che non ci sia altro da aggiungere, il nostro Ralph ha già detto tutto, dando un quadro ben chiaro del suo legame con la Calabria e con il "suo" Catanzaro.

Ringraziamo Ralph Cavallaro per la sua cortesia e disponibilità, e lui contraccambia così;
"Grazie, finché morte non ci separi Forzaaaaaaaquileeeeeee"