Ciao Alessandra, una vita in giallorosso

La storia di una delle prime tifose di una squadra di calcio ad aver fondato in Italia un gruppo di sostenitori tutto al femminile
19.02.2020 11:31 di Maurizio Martino   Vedi letture
Ciao Alessandra, una vita in giallorosso

Ci ha lasciato da pochi giorni una grande tifosa del Catanzaro, Alessandra Rappoli. La sua non è una storia come tante. A differenza di tante altre Alessandra ha dedicato buona parte della sua vita ai colori giallorossi in maniera attiva e costante. L'originalità sta nel fatto che Alessandra è stata una delle prime donne in Italia ad aver fondato un gruppo organizzato di tifosi tutto al femminile. Molti  ricorderanno il "Commando Girl", ebbene lei ne è stata la promotrice. Era una persona brillante e iperattiva, sempre pronta a lanciare idee e proposte per mantenere il gruppo sempre in auge. Organizzava eventi, trasferte, con il Commando Girl era sempre in prima fila e costantemente presente sulle gradinate della Curva. Si era intorno alla metà degli agli anni '80 quando nacque l'idea di far nascere il gruppo, grazie anche al sostegno e al fattivo aiuto del Catanzaro Club che ha sempre creduto in lei e nel gruppo partecipando alle varie iniziative, mettendo a disposizione sempre i propri locali per riunioni e  incontri pubblici organizzati da Alessandra e dalle colleghe giallorosse. Tante sono state le trasferte cui prese parte il gruppo in quanto il sostegno e l'appoggio incondizionato suo e delle sue amiche-tifose non poteva mai mancare, nemmeno lontano dal "Ceravolo". Erano i tempi dei Wild Eagles, delle Brigate Catanzaro, giusto per citare alcuni dei più noti gruppi di tifo organizzato dell'epoca, ma Alessandra con il suo Commando Girl era riuscita a ritagliarsi uno spazio nel contesto del tifo giallorosso. 
Era apprezzata per le sue iniziative e amata come persona ancor prima che come tifosa. Era ancora una ragazzina quando entrò a par parte della grande famiglia dei tifosi giallorossi e, nonostante gli impegni e gli interessi che inevitabilmente la vita ci porta ad avere, Alessandra ha sempre mantenuto il Catanzaro nel cuore, anche quando, trascorsi gli anni d'oto della società giallorossa, il suo gruppo si sciolse.
L'amore e la passione per i colori giallorossi tramandati dal padre infatti non sono mai mancati. Nella famiglia Rappoli in cui si vive il Catanzaro 7 giorni su 7 e nella quale padre, fratello e sorella erano e sono sempre presenti sugli spalti, anche Alessandra non è stata da meno, sebbene non più attiva come fino a qualche decennio fa.
Resterà sempre la grande ammirazione, nostra e di tutti i tifosi, per i grandi sforzi da lei compiuti per il bene e nell'interesse delle Aquile.

Ciao Alessandra, grande tifosa giallorossa, il ricordo della tua creatura, Commando Girl, sarà sempre vivo in tutti noi. 

Maurizio Martino