Quella volta che la curva del Barletta acclamò il Catanzaro

13.04.2020 11:00 di Mattia Dalmazio   Vedi letture
Quella volta che la curva del Barletta acclamò il Catanzaro

Era domenica 13 aprile 2014 allo stadio "Cosimo Putilli" di Barletta" si affrontavano Barletta e Catanzaro per la trentaduesima giornata del campionato di prima divisione del girone B stagione 2013/2014 , il Catanzaro di mister Brevi era reduce dal prezioso pareggio esterno di Benevento e affrontò un Barletta che era reduce dalla sconfitta esterna maturata a Pontedera. Ecco i 22 calciatori che scesero in campo quel giorno:

Barletta – Catanzaro 0-3

Marcatori: 10’ pt Sabatino, 39’ pt Germinale (su rig.), 6’ st Fioretti.

Barletta (4-3-3): Liverani ; Ferreira, Camilleri, Maccarone, Pippa; Bijimine, Innocenti (dal 44’ st Albanese), Ilari; D’Errico, Campagna (dal 30’ st Cane), Cascione (dal 24’ pt Cilli). A disposizione: Lettieri, Zigon, Cicerelli, Ganz. All. Carrara.

Catanzaro (4-4-2): Bindi; Catacchini, Rigione, Ferraro, Sabatino (dal 31’ st Di Chiara); Martignago, Vitiello (dal 22’ st Morosini), Benedetti (dal 42’ st Casini), Russotto; Fioretti, Germinale. A disposizione: Scuffia, Bacchetti, Marchi, Madonia. All. Brevi.

Arbitro: Verdenelli di Foligno.

Note: pomeriggio soleggiato, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 2000 circa di cui 300 provenienti da Catanzaro.

Ammoniti: Camilleri (Ba), Benedetti (Cz). Espulso al 23’ pt Liverani (Ba).  Recupero: 1’ pt; 3’ st

Parte subito bene il Catanzaro che al 10' minuto passa in vantaggio. Calcio di punizione per le aquile battuto da Russotto e colpo di testa di Sabatino che batte Liverani.

Tredici minuti più tardi il Barletta resta in dieci uomini. Russotto lancia Fioretti , il portiere del Barletta Liverani esce dall'area di rigore toccando il pallone con le mani per il signor Verdenelli non ci sono dubbi, cartellino rosso per l'estremo difensore pugliese e sulla susseguente punizione, Russotto colpisce la traversa.

Al 39' calcio di rigore per le aquile: fallo di Ferreira su Martignago, sul dischetto va Germinale che spiazza Cilli, 2-0 delle aquile.

Nella ripresa non cambia il copione il match.Al 51' le aquile calano il tris. Sabatino lancia Fioretti che con un pallonetto trafigge Cilli.

Negli ultimi quindici minuti, le aquilano cercano il tris prima con Martignago e poi con Germinale ma è superlativo in entrambe le occasioni il numero 12 pugliese Cilli. Con quel successo esterno il Catanzaro metteva il punto esclamativo sulla partecipazione ai play-off.

Alla fine del match la tifoseria del Barletta (che è gemellata con la tifoseria giallorossa  dal lontano 31 maggio 1987 quando il Catanzaro ottene la Serie B insieme ai biancorossi) rifiutò la propria squadra sotto la curva e chiamò la squadra giallorossa  per ricevere gli applausi dei sostenitori biancorossi, invito che è stato ben accettato dalla squadra di mister Brevi che ricevette gli applausi della tifoseria di casa.