Catanzaro-Cosenza: Dalla tripletta di Surro a quella di Palanca

Proprio il 18 novembre 1984 grazie alla Tripletta dell'attaccante avellinese le aquile surclassano i lupi
18.11.2017 12:38 di Domenico Sorrentino  articolo letto 1135 volte
Catanzaro-Cosenza: Dalla tripletta di Surro a quella di Palanca

I giallorossi guidati da Giovan Battista Fabbri dopo 25 anni ininterrotti tra Serie A e B si trovano in terza serie, Pino Albano aveva rilevato la società da Adriano Merlo. Il 18 novembre 1984 dopo 21 anni di assenza il Cosenza torna di nuovo a scendere in campo al mitico militare. Sia il Catanzaro che il Cosenza hanno una classifica importante, con i giallorossi in testa assieme al Palermo con 12 punti seguiti dalla coppia Francavilla e Cosenza  con dieci punti. Le aquile però dopo un avvio con ben quattro vittorie consecutive erano reduci da quattro pareggi. Il Catanzaro scende in campo con la seguente formazione: Bianchi, Destro, Cascione, Pedrazzini, Imborgia, Sassarini, Bagnato, Iacobelli, Lorenzo, Mauro, Borrello. La prima frazione di gioco termina sul punteggio di zero a zero. Il Catanzaro dopo dieci minuti aveva sbloccato il risultato con Gregorio Mauro. Nella ripresa subentra Surro al posto di Borrello, l’attaccante avellinese diventa assoluto protagonista con una tripletta intervallata dalla rete dei lupi cosentini di Del Rosso. Il 9 aprile 1989 è in programma la 29° giornata del Campionato di Serie B il Cosenza si trova nel gruppone di testa che lotta per la promozione in massima serie, il Catanzaro cerca i punti per allontanarsi definitivamente dalla zona retrocessione: Ecco i ventidue scesi in campo quel giorno:

CATANZARO: Giacomo Zunico, Luigi Corino, Teodoro Piccinno, Luigi Sacchetti, Carmelo Miceli, Francesco Rispoli, Roberto Borrello, Pasquale De Vincenzo, Stefano Rebonato, Salvatore Pesce, Massimo Palanca, Allenatore: Gianni DI Marzio a disposizione: Massimiliano Marino, Enrico Nicolini, Silvio Gori, Alfredo Costantino, Massijmo Rastelli

COSENZA: Luigi Simoni, Bruno Caneo, Andrea Poggi, Sergio Galeazzi, Francesco Marino, Claudio Lombardo, Alberto Urban, Donato Bergamini, Maurizio Lucchetti, Giorgio Venturin, Michele Padovano, Allenatore: Bruno Giorgi a disposizione: Bruno Fantini, Luigi De Rosa, Renzo Castagnini, Vittorio Cozzella, Ugo Napolitano,

Arbitro: Bruno Cola di Avezzano

Quel giorno O’Rey diventa un incubo per il Cosenza li stende con una tripletta da brividi giocatevi questi numeri i minuti delle sue marcature 28-42-53. Il  lupo torna a casa spelacchiato