28 GENNAIO 1979 ATALANTA-CATANZARO 0-2

I giallorossi guidati da Carletto Mazzone espugnano la città orobica si lanciarano verso la prima salvezza in massima serie
28.01.2017 16:09 di Domenico Sorrentino   Vedi letture
28 GENNAIO 1979 ATALANTA-CATANZARO 0-2

DOMENICO SORRENTINO

Era il 28 Gennaio 1979 si disputava allo Stadio Comunale di Bergamo per la 16° giornata del Campionato di Serie A il match tra l'Atalanta e il Catanzaro. I giallorossi arrivano in terra orobica con l'undicesimo posto in classifica con ben tre punti di vantaggio sui bergamaschi. Ecco i ventidue scesi in campo quel giorno:

 

ATALANTA: Bodini, Osti, Vavassori, Mastropasqua, Prandelli, Tavola, Marrocchino, Antonio Rocca, Augusto Scala, Festa, Pircher, Allenatore: Battista Rota

 

CATANZARO: Mattolini, Sabadini, Claudio Ranieri, Turone, Menichini, Nicolini, Braglia, Orazi, Renzo Rossi, Improta, Palanca, Allenatore Carlo Mazzone

 

Il Catanzaro si reca in Lombardia per un punto e se ne torna in Calabria con due, meritatamente poi, la squadra di Mazzone, espulso per condotta non regolamentare a venti minuti dalla fine, ha difeso con grinta, opponendo agli attacchi confusi dell'Atalanta, che è sembrata essere tornata la molle compagine delle prime giornate, la prima rete è di Improta che da posizione impossibile sorprende Bodini, la seconda di Renzo Rossi che in solitudine si trova davanti al portiere bergamasco lo dribbla e deposita in rete. Il successo di Bergamo arriva in un periodo negativo Improta e Renzo Rossi sfatano il tabù e anche con i successivi due punti contro il Lanerossi, il Catanzaro ritorna in una posizione di classifica di tutto rispetto, confermata dalla prestigiosa tripletta di Palanca all'olimpico di Roma. Si sogna perfino un clamoroso piazzamento in Coppa Uefa, ma alla fine si gestisce in tranquillità l'ultima fase del campionato. Concluso il torneo si verifica la svolta societaria che vede il gruppo di minoranza, che fa capo a Ceravolo a lasciare a quello di maggioranza di Adriano Merlo, esce di scena il presidentissimo colui che ha portato il Catanzaro alla ribalta nazionale.